Come si svolge un esame di qualifica Oss?

Ti sei iscritto/a ad un corso di formazione per Operatore Socio Sanitario. Hai cominciato a seguire le prime lezioni con interesse. Adesso ti stai ponendo la fatidica domanda: come si svolge un esame di qualifica Oss?

Benissimo con questo articolo proverò a darti una risposta esaustiva. Prima di farlo è necessario che ti faccia una breve ma doverosa premessa. La formazione degli Oss è una prerogativa delle Regioni. Dunque, i criteri su cui si basa lo svolgimento dell’esame possono sensibilmente variare. In linea generale, però, non dovrebbero esserci grossi cambiamenti perché i percorsi di studio e le modalità di verifica finale seguono sostanzialmente le stesse regole su tutto il territorio nazionale.

L’ammissione all’esame: criteri e regole

Come si svolge un esame di qualifica Oss? Prima di rispondere a questa domanda ed entrare nel merito dell’argomento è necessario capire quali siano i criteri di ammissione ad un esame Oss.

Un corso di qualifica di Operatore Socio Sanitario ha generalmente una durata complessiva di 1000 ore così strutturate:

  • 200 ore sono dedicate alla formazione teorica di base
  • 250 ore sono riservate alla formazione teorica connessa alla professione
  • 100 ore sono destinate all’esercitazioni pratiche in aula
  • 450 ore sono rivolte al tirocinio presso una struttura socio-sanitaria convenzionata

Per l’ammissione all’esame non devi far altro che frequentare assiduamente il corso, cercando di assentarti il meno possibile. Evita dunque di disertare le lezioni per motivi futili. Fallo solo se strettamente necessario, per motivi di salute o per impegni improrogabili. La frequenza è un criterio imprescindibile se vuoi essere ammesso/a all’esame. Per l’ammissione alla verifica finale le tue assenze non possono superare il 10% delle ore complessive. Dunque se il corso ha una durata globale di 1000 ore, le tue assenze non devono sforare le 100 ore. Oltre alla frequenza, un altro criterio di ammissione potrebbe essere la dimostrazione, da parte del corsista, di aver compreso gli argomenti trattati nel corso delle lezioni. Il docente di ogni disciplina sottopone generalmente ai candidati un quesito per testare la sua comprensione in merito ai moduli trattati.

Come si svolge un esame di qualifica Oss?

Dopo questa premessa possiamo entrare finalmente nel merito dell’argomento e provare a dare risposta alla domanda iniziale: come si svolge un esame di qualifica Oss?

Generalmente, un esame per Oss, segue tre fasi propedeutiche:

  • La prova scritta
  • La prova orale
  • La prova pratica

La prova scritta

Si tratta principalmente di un test con domande a risposta multipla, dove sarà consentito solo un certo margine di errore. Se non ricordo male le domande dovrebbero essere 30 e avrai mezz’ora di tempo per rispondere. In ogni caso, le modalità dello svolgimento dell’esame e i requisiti per raggiungere l’idoneità saranno indicati dal presidente della Commissione prima della verifica.

La prova orale

Accedi alla prova orale solo dopo aver superato lo scritto. Durante la verifica orale dovrai rispondere verbalmente alle domande che la Commissione ti farà. È molto probabile che inizierai il tuo esame orale parlando del tuo tirocinio o esponendo la tesina, se ne avrai preparata una.

La prova scritta

Questa verifica si basa sulla messa in pratica di alcune procedure che riguardano l’attività dell’Oss. Per l’occasione, in sede d’esame, saranno presenti dispositivi, manichini e altro materiale finalizzati all’espletamento della verifica. Tra le procedure più richieste:

  • Mobilizzazione del paziente
  • Rilevazione dei parametri vitali
  • Igiene del paziente
  • Rifacimento del letto

Con la simulazione dei vari casi clinici si conclude l’esame. Ottenuta l’idoneità in tutte e tre le prove ti sarà rilasciato un attestato di qualifica professionale.

Link utili

Se stai preparando un esame Oss potrebbero esserti d’aiuto questi argomenti

Marco Amico

Operatore socio sanitario, blogger e giornalista. Ho 35 anni, una laurea in Lettere e Filosofia, che c'entra poco con la mia professione, e la passione per la scrittura, le bici, le serie TV, i libri, la storia. Lavoro in una casa di riposo e nel tempo libero scrivo articoli d'informazione socio-sanitaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.