Su Google gli Oss sono più “digitati” degli infermieri

Su Google la parola “Oss” è molto più ricercata di quella d’ “infermiere”. A rilevarlo un’indagine personale effettuata questa mattina attraverso uno strumento fornito dal famoso motore di ricerca. L’analisi prende in esame gli ultimi 12 mesi durante i quali, l’acronimo OSS, sarebbe stato digitato di gran lunga più volte rispetto al termine “Infermiere” dagli utenti del web.

Un dato a cui possiamo provare ad attribuire, senza alcuna pretesa, delle spiegazioni.

La prima è data dal numero crescente d’iscrizioni ai corsi di qualificazione di Operatori Socio Sanitario. Conseguire il titolo Oss risulta ovviamente molto più accessibile sotto più punti di vista. Innanzitutto sul piano della tempistica. Un corso di formazione per Oss dura mediamente un anno, mentre un percorso di laurea ne prevede almeno tre. Il secondo fattore è legato al livello di difficoltà. Ovviamente, da questo punto di vista, risulta assai più complesso conseguire una laurea in Infermieristica. Su quest’ultima considerazione ho già scritto in passato un articolo, che ha fatto un po’ discutere, sul boom degli iscritti ai corsi Oss (clicca qui per leggerlo). Il terzo aspetto è di carattere economico.

Sulla base di questi aspetti possiamo ipotizzare che conseguentemente alla crescita del numero degli Oss si sia verificata una maggiore richiesta di informazioni sul web attorno a questa figura.

Fermo restando che si tratta di due professioni distinte e separate, risulta assai più agevole, per chi volesse per esempio intraprendere una carriera nella sanità pubblica, cominciare un percorso formativo per Oss.

Possiamo poi fornire un’altra chiave di lettura nell’interpretazione di questi dati. Essa potrebbe essere legata ad una probabile maggiore richiesta di Oss nel mondo del lavoro. Si tratta, ribadisco, di supposizioni personali su un dato che dal 2004 ad oggi, come mostra il grafico, risulta essersi ribaltato in favore degli Oss.

Certamente la mancanza di un albo nazionale non aiuta ad individuare in termini numerici la presenza degli Oss in Italia e a fornire spiegazioni più scrupolose in merito.

Marco Amico

Operatore socio sanitario, blogger e giornalista. Ho 35 anni, una laurea in Lettere e Filosofia, che c'entra poco con la mia professione, e la passione per la scrittura, le bici, le serie TV, i libri, la storia. Lavoro in una casa di riposo e nel tempo libero scrivo articoli d'informazione socio-sanitaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *